Rambo 3 – Statua Rambo Premium 57cm

589,90

DISPONIBILE DA META' MARZO

Esaurito

COD: RAMBO-DYDPHIPL2018118 Categorie: ,

Descrizione

Phicen

Phicen Limited è lieta di presentare questa fantastica statua dedicata al famoso film RAMBO 3

Jhon Rambo viene raffigurato così come visto in una scena del film, i dettagli sono ottimi e la posa trasmette tutta la rabbia di Rambo pronto come sempre a combattere!

Una statua che non dovrebbe mancare a nessun appassionato del veterano più famoso della storia del cinema!

DIMENSIONI: 57cm

MARCA: Phicen Limited

John Rambo è un veterano della guerra del Vietnam che ha fatto parte di un’unità d’élite delle United States Army Special Forces ed ha ricevuto la Medal of Honor. Nel dicembre 1981, si reca nei pressi di Hope per andare a trovare uno dei suoi amici d’unità, Delmar Berry, ma la madre di Berry gli riferirà che purtroppo Delmar è morto di cancro a causa dell’esposizione all’Agente Arancio in Vietnam; Rambo si rende conto di essere ormai l’ultimo membro vivente del gruppo. Poco dopo cerca di entrare nella stessa cittadina di Hope, nello stato di Washington, per mangiare qualcosa prima di ripartire. L’arrogante e violento sceriffo Will Teasle interpreta i lunghi capelli spettinati e la giacca dell’esercito di Rambo come prova che egli è un vagabondo e gli proibisce l’accesso alla cittadina, portandolo alla periferia della città. Rambo però, consapevole dell’ingiustizia che sta subendo, ritorna provocatoriamente verso Hope e quindi Teasle lo arresta per vagabondaggio.

Alla stazione di polizia, Rambo tace e si rifiuta di collaborare con gli agenti. Guidati dal vice di Teasle, Arthur Galt, essi compiono varie azioni di brutalità poliziesca, causando a Rambo terribili flashback delle sue torture in Vietnam. Così il reduce si ribella e dopo aver malmenato Teasle, Galt, e gli altri poliziotti, esce dalla stazione rubando una moto ad un passante su cui fugge sulle montagne vicine, dando il via ad una caccia all’uomo da parte della polizia locale. Vedendo Rambo da un elicottero, Galt ignora l’ordine dello sceriffo di riportarlo vivo e tenta di sparargli. Rambo, spalle al muro e sotto il fuoco, getta un sasso sull’elicottero, facendolo inclinare e provocando la caduta di Galt.

Rambo esce e cerca di convincere i poliziotti che la morte di Galt non è colpa sua, ma loro gli sparano, facendolo fuggire nel bosco. Teasle, vendicativo per la morte dell’amico, tenta di catturare Rambo insieme agli inesperti agenti, ma vengono tutti rapidamente neutralizzati con tecniche di guerriglia e trappole. Nel caos Rambo isola Teasle, puntandogli un coltello alla gola, lo avverte che avrebbe potuto ucciderli tutti e gli concede un’ultima occasione di lasciarlo stare.

Teasle tuttavia chiama la Polizia di Stato e la Guardia Nazionale, montando un campo base fuori dai boschi. Mentre si discute su come procedere arriva al campo l’ex comandante di Rambo, il colonnello Samuel Trautman, che spiega come l’esercito lo abbia mandato per “salvare” la polizia e la Guardia Nazionale. Trautman infatti, dopo aver descritto Rambo come un esperto in guerriglia, sopravvivenza e uccisione dei nemici, consiglia di lasciarlo andare e di tornare a cercarlo una volta che la situazione si sarà calmata, dato che confidare sulla superiorità numerica causerà solo altre vittime. Teasle tuttavia è determinato a procedere, anche se concede al colonnello di aiutarli facendogli chiamare Rambo via radio. Sentendo la voce di Trautman Rambo risponde lasciandosi individuare.

La mattina successiva gli uomini della Guardia Nazionale entrano nel bosco e mettono alle strette Rambo all’entrata di una miniera. Contro gli ordini di Teasle di aspettare i rinforzi e non fare fuoco, sparano un razzo M72 LAW facendo crollare l’ingresso ed intrappolando Rambo all’interno. Con il fuggiasco dato per morto, lo sceriffo rimprovera gli uomini per avergli disobbedito e gli ordina di affrettarsi a liberare la miniera per recuperare il corpo.

In realtà Rambo è sopravvissuto e si sposta più in profondità nella miniera fino ad uscire attraverso una presa d’aria; una volta fuori, dirotta un camion di passaggio della Guardia Nazionale ed attraversa sbaragliando un posto di blocco per poi schiantarsi contro la pompa di un distributore di benzina, incendiandola. Con il dipartimento di polizia ed i pompieri occupati a spegnere l’incendio, Rambo si muove attraverso Hope inosservato e, utilizzando una mitragliatrice M60 presa dal camion, spara alle linee elettriche per interrompere l’alimentazione. Dopo aver distrutto un’armeria, Rambo vede Teasle, che si è rifiutato nuovamente di dare ascolto a Trautman, sul tetto della stazione di polizia, in cui entra correndo sotto il lucernario in modo che Teasle riveli la sua posizione. Quindi spara attraverso il soffitto e ferisce gravemente lo sceriffo, che cade attraverso il lucernario sul pavimento della stazione. Appena prima che Rambo possa infliggere il colpo di grazia Trautman lo ferma e gli spiega che non ha speranza di fuggire vivo. Disperato per la propria situazione, l’ex Berretto Verde si infuria per gli orrori della guerra ed il trattamento ingrato che ha ricevuto una volta tornato a casa, poi scoppia a piangere. Si consegna quindi a Trautman e viene portato via dalla stazione mentre Teasle viene messo in un’ambulanza.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Rambo 3 – Statua Rambo Premium 57cm”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.