In offerta!

Mortal Kombat – BDS Art Scale Statue 1/10 Baraka 23cm

234,90

preorder

DISPONIBILE DA OTTOBRE 2023

ATTENZIONE

Questo è un prodotto in PREORDINE la data di uscita di questo prodotto è approssimativa, il PRODUTTORE può variarne la pubblicazione senza preavviso anche di diversi mesi. Prima di procedere con l’acquisto di questo prodotto leggi QUI


COD: MORTAL-DYDIS95194 Categorie: , , , Tag:

Descrizione

Iron Studios continua la linea di personaggi in scala 1:10 ispirati alla saga videoludica più sanguinosa di sempre: Mortal Kombat.
Bellissima statua dedicata al personaggio di Baraka, questa versione in scala 1:10 è tratta dal videogame Mortal Kombat X, l’orribile mutante con lame retrattili e denti affilatissimi poggia su una bella base diorama altamente dettagliata.

 

ALTEZZA: 23 cm

MARCA: IRON STUDIOS

Baraka è un personaggio della serie videoludica Mortal Kombat; è apparso per la prima volta in Mortal Kombat II e utilizza come armi le Razor Cane e le Tarkatan Blades.

Baraka è un guerriero Tarkata dell’Outworld le cui abilità di guerriero hanno colpito a tal punto Shao Kahn da indurlo ad arruolarlo nelle proprie truppe; è lui che guida i guerrieri Tarkathan contro i Templi Shaolin tra la fine del primo Mortal Kombat e l’inizio del secondo torneo, uccidendo tutti i fratelli spirituali di Liu Kang. Durante il secondo torneo, Baraka viene sconfitto da Kung Lao, che lo trancia in due con il proprio cappello.

Mortal Kombat X

In questo capitolo ritroveremo Scorpion ancora al servizio di Quan Chi e Shinnok nella guerra di invasione del Netherrealm. Dopo due anni di battaglie, Raiden, Fujin, Kenshi, Sonya e Johnny Cage riescono a impedire l’ascesa del dio caduto imprigionandolo nel suo amuleto. Inseguendo Quan Chi, Cage viene ferito mortalmente dal revenant Jax. Lo stregone intende quindi trasformare anch’esso in uno spettro a suo servizio. Ma Raiden riesce ad invertire l’incantesimo; anzi, l’onda d’urto generatasi in quel momento rigenera i corpi di Scorpion, Sub-Zero e Jax, riportandoli in vita.

Hanzo Hasashi, finalmente libero (e mantenendo comunque il potere del fuoco), può ricostruire il clan degli Shirai Ryu, grazie anche all’aiuto di Kenshi, che gli affida suo figlio Takehashi Takeda per essere addestrato. Su invito di Sub-Zero, ora Gran Maestro del Lin Kuei, si reca in visita nel suo tempio per stipulare un accordo di pace. Viene teso in imboscata dalla sua allieva Frost, e Hanzo, credendo che il Lin Kuei sia ancora senza onore, attacca Sub-Zero. Ma dopo averlo sconfitto, si scopre che Kuai Lang non l’aveva attirato apposta in un’imboscata, ma era semplicemente un attacco (anche di rabbia e di gelosia) da parte di Frost. Sub-Zero racconta come abbia distrutto Sektor e i suoi cyber ninja e di come abbia scoperto, tramite i dati in memoria di quest’ultimo, che fu Quan Chi a distruggere lo Shirai Ryu. Il Gran Maestro infatti, chiese come pagamento lo sterminio del clan di Scorpion per il recupero della mappa del tempio degli elementi da parte di Bi Han, il primo Sub-Zero. I due ninja, quindi, decidono di lavorare insieme per proteggere la terra e servire il bene. Ma adesso il sentimento di vendetta di Hanzo è attualmente troppo forte.

Quando Jax Briggs sconfigge le guardie del corpo di Quan Chi e cattura lo stesso stregone, Hanzo arriva alla base delle Forze Speciali dove si trova lo stregone. Egli sconfigge Sonya e Johnny, che tentano di impedirgli di prendere lo stregone. Hanzo lo prende, gli rinfaccia la morte della sua famiglia, la sua vendetta deviata e l’estinzione del suo clan, e dopo averlo umiliato, viene raggiunto da D’Vorah; nonostante questa lo ferisca, egli riesce comunque ad uccidere Quan Chi decapitandolo. Questo gesto avventato fa sfumare ogni possibilità di riportare in vita i guerrieri morti nella guerra contro Shao Kahn. Inoltre, l’aver liberato Quan Chi per ucciderlo, ha permesso allo stregone di liberare Shinnok dall’amuleto prima di esalare l’ultimo respiro.

Nel finale arcade, troviamo Hanzo intento a darsi la morte tramite harakiri, distrutto dal senso di colpa per il ruolo avuto nel ritorno di Shinnok. La sua sete di vendetta infatti, aveva quasi portato la terra alla distruzione. Tuttavia Raiden ferma la sua mano, proponendogli un’alternativa più costruttiva. Infonde nel ninja una piccola parte dell’energia del Jinsei, collegandolo ad esso. Scorpion e il suo clan, d’ora in avanti, avrebbero avuto il compito di proteggere il Jinsei e la Terra per sempre.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mortal Kombat – BDS Art Scale Statue 1/10 Baraka 23cm”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.