In offerta!

Alien 3 – Statua 1/3 Dog Alien 66cm

1.849,00

DISPONIBILE DA META' MARZO

Esaurito

COD: ALIEN-DYDCPR903227 Categorie: , Tag:

Descrizione

coolprops logo

Durante la produzione del film “Alien 3” del 1992, sono stati usati costumi e oggetti di scena del personaggio Alien Dog. Da quegli stessi oggetti la CoolProps e Prime 1 Studio hanno sviluppato la Maquette di Alien dog, tratta direttamente dagli stampi originali dei burattini usati nella pellicola!

Come per tutte le statue di alta qualità prodotte da Prime 1 Studio, nasce un pezzo eccellente, che cattura il momento in cui l’Alien dog esegue un attacco molto aggressivo, i dettagli sono incredibili e la statua sembra letteralmente saltare fuori dallo schermo per materializzarsi nel tuo salotto!

Aggiungi questa magnifica statua del mitico Alien dog prodotto da CoolProps e Prime 1 Studio, NON TE NE PENTIRAI !

La statua è una serie limitata di cui ne produrranno solamente 1000 esemplari al mondo!

ALTEZZA: 66cm

MARCA: CoolProps

Lo Xenomorfo, più noto con il nome di Alien, è specie parassita extraterrestre presente come principale antagonista nella serie di film Alien e nell’universo fantascientifico ad essa collegato.

La specie compare per la prima volta sullo schermo nel film Alien, diretto nel 1979 da Ridley Scott. In seguito, riappare in altri tre episodi della saga: Aliens – scontro Finale, opera del 1986 di James Cameron; Alien 3, film del 1992 di David Fincher; infine, Alien: la clonazione girato da Jean-Pierre Jeunet nel 1997.

Gli xenomorfi per natura non provano alcun tipo di sentimento, seguono una rigida scala gerarchica ed eseguono senza opporsi gli ordini della matriarca, la quale è capace di controllare tutti i propri nati mediante le proprie abilità telepatiche. L’indipendenza degli xenomorfi subordinati è limitata se non assente, in quanto, alla morte della matriarca, essi perdono letteralmente qualsiasi volontà che vada oltre la propria sopravvivenza e dopo un periodo di disorientamento apparente, diventano indipendenti; solo in rarissimi casi superano i cinque giorni di vita, privi di una guida. Nei periodi di tranquillità, quando ormai il nido è stato costruito e organizzato e tutti gli ospiti hanno dato vita ad uno xenomorfo, l’attività generale dei subordinati cessa. Molti di essi si “addormentano” nelle profondità dell’alveare, mantenendo lo stato di quiescenza fino all’inizio di un nuovo periodo di attività. Questo letargo può variare da poche settimane ad almeno due anni, nei quali rimangono attivi solo gli xenomorfi necessari alla sopravvivenza e l’accudimento della matriarca.

Nel primo sequel di Alien, Aliens – Scontro finale del 1986, il regista James Cameron intendeva rimodellare la creatura titolare in modo più appropriato per il suo film di natura più bellico. L’incarico di aggiornare l’aspetto dello xenomorfo fu affidato a Stan Winston, siccome Giger fu occupato con Poltergeist II – L’altra dimensione. L’alterazione più ovvia fu l’eliminazione del carapace liscio sulla testa, siccome Cameron temeva che si sarebbe frantumato durante le scene d’azione. Cameron inoltre preferiva il look più scheletrico che la rimozione del carapace conferiva alla creatura. Per mantenere ciò che Winston definiva “la minaccia ceca” dello xenomorfo originale, gli furono tolti le orbite che si vedevano a malapena attraverso il carapace. Altre modifiche estetiche includevano artigli più lunghi, piedi modificati per scalare i muri, e speroni sui gomiti.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Alien 3 – Statua 1/3 Dog Alien 66cm”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.